image
image

image

Attivitą in campo sismico

Referente: Dr. Guido Martini
guido.martini@enea.it

tel. +39 06 9400 5232



Le attivitą in campo sismico, condotte in coordinamento con il laboratorio UTPRA-PREV, riguardano l'applicazione di metodologie per la valutazione della pericolositą sismica a scala regionale e locale, finalizzata alla riduzione del rischio sismico, con l'acquisizione, interpretazione ed analisi di dati geologici, geotecnici, geofisici e storico-documentari.
In particolare vengono eseguite ricerche per la definizione dei livelli di sismicitą di base attraverso sia le metodiche della ricerca macrosismica, sia l'analisi di parametri sismologici di interesse ingegneristico. Per quello che riguarda l'applicazione e lo sviluppo delle metodologie di Microzonazione Sismica (MS) e di Risposta Sismica Locale, si partecipa alla esecuzione di campagne geologiche, geotecniche e geofisiche in aree campione. Inoltre, si partecipa alle attivitą di acquisizione, processamento e gestione di registrazioni accelerometriche acquisite mediante strumentazione ENEA installata in aree di interesse.
Nell'ambito delle attivitą ENEA di supporto al Dipartimento per la Protezione Civile nazionale nell'emergenza post-sismica sono state eseguite indagini e rilievi per la valutazione immediata della diffusione e del livello di danneggiamento e le successive fasi di pronto intervento e verifica di agibilitą degli edifici.

Principali progetti/risultati conseguiti nel biennio 2009-2010

  1. Convenzione ENEA-Regione Lazio per la definizione della Nuova Classificazione Sismica regionale; attraverso la valutazione delle massime intensitą sismiche locali ed una zonazione su base statistica (cluster analysis) dei livelli di scuotibilitą attesi per i Municipi di Roma ed i restanti Comuni del Lazio, si č giunti alla definizione della Nuova Zonazione Sismica Regionale, corredata degli accelerogrammi di riferimento per ogni unitą amministrativa.

    Fig. 1.


  2. Partecipazione al Gruppo di Lavoro ENEA, Dipartimento della Protezione Civile, CERI-Dipartimento Scienze della Terra dell'Universitą Roma 1 "Sapienza", ISPRA e Consiglio dell'Ordine dei Geologi del Lazio per la redazione delle Linee Guida per la MS nella Regione Lazio ed al Gruppo di Lavoro presso il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale per la revisione degli Indirizzi e Criteri per la MS.

    Fig 2.


  3. Partecipazione alle attivitą di rilievo macrosismico post-terremoto e di rilevamento del danno, pronto intervento e agibilitą di edifici nell'emergenza post-sismica, a seguito del terremoto aquilano del 6 aprile 2009.
  4. Partecipazione al Gruppo di Lavoro ENEA, Regione Lazio e CERI-Dipartimento Scienze della Terra dell'Universitą Roma "La Sapienza", per la Microzonazione Sismica dell'area aquilana, Macroarea 8 - Conca di Roio coordinata dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale a seguito del terremoto aquilano del 6 aprile 2009.

    Fig 3.


  5. Sviluppo e gestione di una Banca Dati accelerometrica contenente le registrazioni effettuate dall'ENEA, con particolare riferimento alla serie sismica dell'Umbria-Marche del 26 settembre 1997. Sono state elaborate 177 registrazioni accelerometriche acquisite in 9 stazioni ENEA e relative a 99 eventi sismici con valori massimi di magnitudo Mw=6.0.

    Fig. 4.



Pubblicazioni recenti

Progetti

Rapporto di Attività

Altri documenti


References:

image


 
image
 
 
image